CI SIAMO TRASFERITI SU

domenica 9 gennaio 2011

Alfa Romeo: prevista una nuova ammiraglia di segmento E?


Durante un evento per celebrare la produzione delle nuove vetture Chrysler 300, Dodge Charger e Challenger 2011 nello stabilimento di Bampton, in Ontario, Sergio Marchionne ha rilasciato alcune dichiarazioni molto importanti per quanto riguarda il futuro dell’impianto americano, ma anche di Alfa Romeo. Infatti il numero uno del gruppo Fiat-Chrysler ha dichiarato la volontà di investire ben 1 miliardo di dollari in un impianto di verniciatura, affermando che il progetto è già pronto e manca solo la delibera per i fondi. Inoltre vorrebbe aggiungere un terzo turno alla catena di montaggio delle vetture.


A questo proposito, Marchionne ha affermato: 

«Se investiamo in un impianto di verniciatura, l’aggiunta di un terzo turno diventa sempre più urgente»  

L'investimento però è più probabile che avvenga nel 2012, in quanto attualmente il denaro non è disponibile nel bilancio 2011 della casa automobilistica. Il presidente del sindacato, Ken Lewenza, ha fatto un appello pubblico affinchè lo stabilimento ottenesse il terzo turno. Marchionne ha continuato dicendo: 

«Brampton è l'unico impianto che produce automobili a trazione posteriore per il gruppo Chrysler e ha bisogno quindi di particolare attenzione» 

Marchionne, il quale sarà presente salone di Detroit 2011 la prossima settimana per lanciare ufficialmente l’ammiraglia Chrysler 300, ha affermato che vorrebbe costruire berline di grandi dimensioni anche per il marchio Alfa Romeo. Questa affermazione è molto importante per Alfa Romeo, in quanto nel piano FGA presentato lo scorso aprile 2010 non è prevista nessuna segmento E per Alfa Romeo fino al 2014. Questa scelta è stata adottata perché nel segmento E era prevista la costruzione di una ammiraglia con brand Maserati, ritenuto più idoneo per la tipologia di vettura. Marchionne però con questa affermazione, riapre tutte le possibilità per rivedere una ammiraglia di Alfa Romeo erede della 166, utilizzando il pianale della Chrylser 300.

LANCIA
Lo stabilimento di Brampton inoltre, si sta preparando per la costruzione della versione Europea della Chrysler 300, che sarà venduta in Europa con brand Lancia e svelata al salone di Ginevra 2011, insieme alla nuova Lancia Phedra e alla nuova Y.
Marchionne ha affermato che la produzione canadese del modello Lancia inizierà questa estate, inizialmente con versioni a benzina, mentre per quelle diesel occorrerà aspettare l’autunno.
Nel 2012 la Chrysler 300 e la versione a brand Lancia saranno le prime a ricevere il nuovo cambio automatico a 8 rapporti, il quale andrà a sostituire l’attuale a 5 velocità.

Chrysler si aspetta un utile operativo di 700 milioni di dollari nel 2011, in linea con il business plan quinquennale. Dwight Duncan, ministro delle Finanze dell'Ontario, ha affermato che il salvataggio di Chrysler è stata la cosa giusta da fare e Chrysler prevede di rimborsare i prestiti in anticipo rispetto al previsto.

Fonte| Detnews



7 commenti:

  1. Direi che in America Chrysler sta andando alla grande! È qui in Europa che si arranca...

    RispondiElimina
  2. ah qui in Italia c'è gente che odia Marchionne e il suo modo di lavorare, non si investe, non si ricerca...il mercato è fermo....non ci fosse marchionne penso che fiat avrebbe venduto o chiuso molti marchi...

    RispondiElimina
  3. Grande marchionne!! dacci questa seg E e fate una degna TP per schiaffeggiare le tedesche! XD queste notizie servono ogni tanto per rianimare gli alfisti ;)

    RispondiElimina
  4. é una buona cosa, finalmente è uscito allo scoperto, affermando che ha intenzione di costruire grosse berline col marchio Alfa Romeo.

    RispondiElimina
  5. più che altro speriamo mantenga quel che dice ;)

    RispondiElimina
  6. Speriamo la facciano! sarebbe anche l'ora!

    RispondiElimina
  7. Questo concept è a dir poco S P E T T A C O L A R E!!!!!!!!! mamma mia che macchina...in America farebbe un mega successone!!!! DAI DAI MARCHIONNE DAIIIIIIII investi in Alfa INVESTIIIIIIIII

    RispondiElimina